CINEMAdi VipjetBonelli Museo Nazionale del Cinema Successo per l’esposizione di Love is Love, la prima opera metafisica di Achille Lauro

 17 visite totali

Al Museo Nazionale del Cinema, nell’incredibile cornice della Mole Antonelliana di Torino, in occasione della 35′ edizione del Lovers Film Festival, Love is Love, la prima opera metafisica di Achille Lauro, ha preso vita con una performance. Nell’opera l’artista racconta il significato dell’essere oggetto di una discriminazione di genere, rinchiudendo in una gabbia due persone ed esibendo il loro sentimento in silenzio. La gabbia, minimale e fatiscente, ricorda le gabbie da circo e le due persone svestite all’interno due animali addestrati per l’ultimo spettacolo. L’atto d’amore, rinchiuso tra le sbarre, diventa metaforicamente solo intrattenimento per il grande pubblico, come se la scelta di amare necessitasse approvazione o applausi, raccontando la nudità che si percepisce quando si è sottoposti a giudizio. L’opera rappresenta la purezza di chi vuole solo scegliere l’amore in libertà, in contrapposizione agli stereotipi imposti dal mondo esterno e il pregiudizio verso il sentimento. Nella gabbia, come sospeso nel vuoto, il dipinto ​Love is Love realizzato dall’artista.

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »