ENOGASTRONOMIA SPAGNA PREMI per i VINI dell’ESTREMADURA Focus by VipjetBonelli

 22 visite totali

Special:l’articolo  potrà essere letto in 11 lingue 

di Francisco Rivero 

I vini dell’Estremadura sono fortunati. Sono stati premiati i vini di due eccellenti professionisti dell’Estremadura, prodotti da José Rivero e Marcelino Díaz. Allo stesso modo, l’associazione imprenditoriale Loabre ha apposto l’etichetta su alcuni vini prodotti dalla Bodegas Leneus de Almendralejo; Questa cantina ha raggiunto un record mondiale trasmettendo una degustazione virtuale con 155 persone.

Medaglia d’oro a Bordeaux per “Encina Blanca”

Lo spumante Crianza 2018 Brut Nature Encina Blanca de Alburquerque è stato premiato con la medaglia d’oro nella 44a edizione del concorso Challenge du vin, il più antico dei concorsi enologici internazionali che si tengono ogni anno a Bordeaux (Francia), dove Sono stati campionati 3.538 campioni da più di 30 paesi. In precedenza questo spumante aveva ottenuto una medaglia d’argento al Challenge International du Vin in Francia. La scheda tecnica dice che si tratta di “uno spumante ottenuto utilizzando come vino base il nostro vino bianco multivarietale, dal colore giallo dorato. Pulito e luminoso. Rilascio abbondante di bollicine fini, con formazione di una corona. Aroma pulito con una sfumatura fruttata e un leggero tono di panetteria. Secco, morbido al palato, complesso al palato, buon equilibrio gustativo ”.

La cantina Encina Blanca de Alburquerque è nata nel 2007 a seguito dell’interesse di José Rivero Sudón per recuperare la tradizione vinicola nel comune di Alburquerque, provincia di Badajoz, dove si produce vino sin dai tempi dei romani, il V secolo a.C. ne è la prova presenza intorno al vigneto e alla cantina di numerosi torchi a grotta su pietra granitica che i romani utilizzavano per pigiare le uve e ottenere il mosto per la fermentazione.

https://encinablancadealburquerque.es/

Puerta de Palma, premiata a Madrid

D’altra parte, il vino Puerta de Palma Brut, di Bodegas Marcelino Díaz, ha ottenuto la medaglia d’oro al primo concorso del vino “Casino de Madrid”, recentemente tenutosi in questa entità nella capitale della Spagna, in cui prominenti giurie nazionali ed è stato organizzato da Eliseo González, con il coordinamento tecnico della grande signora del vino dell’Estremadura María Isabel Mijares e sotto la direzione del “casinista” Francisco Jiménez. La cava dell’Estremadura Puerta Palma Reserva Brut Nature è ottenuta da uve di varietà Macabeo della cantina Marcelino Díaz. Ha un profumo intenso e complesso di frutti tropicali su fondo da forno. Inoltre, ha un interessante colore giallo con leggeri toni dorati. Allo stesso modo, le sue bollicine fini e persistenti lo rendono un compagno perfetto per tutti i tipi di antipasti, pesce e carni alla griglia e cotte. Questa azienda è nata nel 1931, ma nel 1986 Marcelino Díaz è riuscito a far sì che, dopo aver registrato i suoi vigneti e la sua cantina tre anni prima nel Consiglio Regolatorio di Cava, il Ministero dell’agricoltura, della pesca e dell’alimentazione includesse Almendralejo (Badajoz) all’interno del Denominazione di Origine Cava, un successo per il mondo del vino dell’Estremadura.

Inoltre, le cantine Marcelino Díaz riferiscono che stanno lanciando sul mercato in questi giorni il nuovo cava Puerta Palma Brut Rosé

https://www.madiaz.com/

Vino Loabre “Passion for Extremadura”

L’associazione imprenditoriale Loabre, con membri in Extremadura e Madrid, ha recentemente promosso il proprio vino “Loabre. Pasión por Extremadura ”, un’annata prodotta nel 2019 dalle cantine Leneus de Almendralejo, con la varietà Cayetana per il bianco e Tempranillo per il rosso. La vendemmia è stata manuale e notturna.

Il vino bianco biologico dell’uva Cayetana, una varietà autoctona dell’Estremadura, da agricoltura biologica nei vigneti Leneus con più di 40 anni, piantato in vetro. Si presenta di colore giallo paglierino, con profumo di agrumi, fiori bianchi, pasticceria. In bocca è fresco, con una buona acidità, untuoso e dal ritmo lungo e per quanto riguarda il vino rosso, è un prodotto ecologico a base di uva Tempranillo o Tinta del paese, della vendemmia 2019, macerata con le sue bucce e fermentata a bassa temperatura. E ‘un vino pulito dal colore cerasuolo con marcati toni violacei nel bordo e intensità di colore medio-alta e con un profumo di frutta come la ciliegia e leggeri sentori di liquirizia. È un vino che guadagna equilibrio e distinzione.

https://www.vinosleneus.com

The Wine Brotherhood compie 40 anni

In questi giorni, invece, si è tenuto presso il Complesso di Santa Ana de Almendralejo, diretto da Carmen Fernández – Daza, un atto di tributo al 40 ° anniversario della Confraternita del vino dell’Estremadura, che attualmente comprende circa 30 professionisti del mondo del vino. e che nel 2006 ha cambiato nome in “Cofradía del Vino de Ribera del Guadiana e Cava de Almendralejo”.

Negli anni ’80, dice il suo fondatore, Marcelino Díaz, che iniziò un cambiamento nella viticoltura e nell’enologia dell’Estremadura, passata da 15 varietà a una sola: Pardiña, a causa dei grandi danni causati dalla fillossera.

In questo prodigioso decennio degli anni ’80 del XX secolo, ci fu un movimento per smettere di produrre vini alcolici e per “dirigere” lo “sherry” e i porti. Da allora il vino dell’Estremadura è stato curato e oggi ci sono numerosi marchi noti.

Attualmente la Cofradía del Vino è composta non solo da esperti enologi, tecnici o chimici, ma anche professionisti di altri settori, cui si unisce l’amore per il vino e la sua cultura e il loro abbigliamento è un mantello bordeaux, un cappello di Calañés e una zucca argento.

https://cofradiavinoycavariberadelguadiana.blogspot.com

Nota importante si ringrazia citandoe www.sevi.net e La Semana Vitivinícola come fonte.

VISITA in ESTREMADURA dell’Ingegner Antonio BONELLI ((con sciarpa gialla) Presidente  del Centro Internazionale della Stampa turistica www.bonelliconsulting.com  e direttore di www.vipjetbonelli.com dell’influncer global magazine . Da sinistra  dell’autore dell’articolo il Presidente Skall Madrid  Francisco RIVERO.

 

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »