ARTE e CULTURA MART di ROVERETO INTERVISTA con il prof. Vittorio SGARBI La mostra “Giovanni Boldini. Il piacere” in anteprima sul web.e su VIPJETBONELLI

 28 visite totali

 
 Da un’idea di Vittorio Sgarbi
A cura di Beatrice Avanzi e Tiziano Panconi

GIOVANNI BOLDINI  Il piacere

Il fascino senza tempo della Belle Époque è arrivato al Mart.
I caffè mondani, gli abiti da capogiro, l’eleganza della borghesia, il vaporoso romanticismo dei salotti raccontato dal più grande ritrattista dell’epoca: Giovanni Boldini.

A lui è dedicata la nuova grande mostra del Mart.
170 opere provenienti da collezioni pubbliche e private, molte delle quali appartenenti al patrimonio del Museo Boldini di Ferrara, chiuso al pubblico dopo il terremoto del 2012.

INTERVISTA al PROF. VITTORIO SGARBI 

Il 14 novembre avrebbe dovuto aprire la mostra Giovanni Boldini. Il piacere.
Allestita, sonorizzata, pronta per essere visitata, la mostra è attualmente chiusa al pubblico.

Attraverso il web il Mart incuriosirà i visitatori e racconterà la mostra in un modo diverso dal solito. La relazione con le opere e il museo resta certamente insostituibile e unica, ma se c’è una cosa che il tempo presente ha insegnato è che non ci sono limiti al dialogo, allo studio, alla conoscenza.
Oggi più che mai l’hashtag #staytuned è diventato uno stile di vita, un modo per costruire nuove abitudini culturali.
 

Nel momento in cui i musei saranno aperti, non si perderà neppure un giorno: la mostra c’è e aspetta il suo pubblico.

Intanto sul web, a partire dal 29 novembre, immagini, videointerviste, playlist, pillole, storie e curiosità.
Per restare vicini. Sempre.

 

Rovereto, dal 14 novembre 2020 al 28 febbraio 2021, il Museo Mart di Rovereto accoglierà la grande mostra “Giovanni Boldini, Il piacere”, allestita in occasione del novantesimo anniversario dalla morte di Boldini.

La grande mostra antologica “anniversario” è sostenuta, oltre che dal museo roveretano, dalla Fondazione Ferrara Arte, dalla Città di Ferrara, dal Museo Giovanni Boldini di Ferrara e dal Comitato di studio per le celebrazioni del novantesimo anno dalla morte di Giovanni Boldini e raccoglie più di 160 dipinti, concessi in prestito dalle più importanti collezioni private e da alcuni dei maggiori musei italiani e fondazioni, come il Museo Boldini di Ferrara, la galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti, il Museo di Capodimonte, la galleria d’arte moderna e contemporanea di Roma, le gallerie di arte moderna di Milano, Palermo, Piacenza,  Torino, Il Museoarchives Giovanni Boldini Macchiaioli di Pistoia, la galleria degli Uffizi, le Gallerie d’Italia di Milano, il Museo d’arte contemporanea di Rivoli, la Camera dei deputati, i Musei civici di Pavia, la Fondazione Cavallini Sgarbi e la Fondazione Sorgente Group.

L’esposizione, progettata da Vittorio Sgarbi e a cura di Tiziano Panconi e Beatrice Avanzi, si aprirà a seguito di lunghi preparativi, proponendo una vastissima scelta di dipinti emblematici del corpus pittorico di Boldini. 

Il percorso illustra la carriera del maestro dalla sua formazione a Ferrara, fino al soggiorno fiorentino e poi al definitivo trasferimento a Parigi, dal 1871 al 1931.

L’esposizione si spiega attraverso il filo conduttore dell’originale parallelismo fra il pittore e d’Annunzio e specialmente con “Il piacere”, romanzo di brucianti passioni, intrecci sociali e infedeltà. 

La bozza scritta a mano dal poeta del famoso romanzo, sarà esibita per la circostanza con una introduzione di Giordano Bruno Guerri.

Catalogo a cura di Tiziano Panconi e Beatrice Avanzi, con introduzione di Vittorio Sgarbi e contributi critici di Pietro Di Natale, Elena Di Raddo, Leonardo Ghiglia, Giordano Bruno Guerri, Leo Lecci, Marina Mattei, Gioia Mori, Lucio Scardino, con schede bibliografiche di Vittoria Meoni. Hanno collaborato alle ricerche di archivio Elisa Larese, Vittoria Meoni, Ludovico Baldelli.

 
 MART ROVERETO
Corso Bettini 43, 38068
Rovereto (TN)

T 0464 438887
Numero verde 800 397760
info@mart.trento.it
Sent with love from mart
cancellati da questa lista di distribuzione | cambia i tuoi dati 

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »