ESEGESI di Tijani Haddad, President Fijet, l’antica storia della scrittura di viaggi. FOCUS VIPJETBONELLI.

 17 visite totali

Fin dagli albori del tempo, ci siamo sempre divertiti a raccontare storie. Raccontare ciò che abbiamo visto o immaginato. Dal passaparola, le storie sono state tradotte in dipinti sui muri e poi su carta e penna. Era il nostro modo di conoscere il mondo che ci circonda. The Mediterranean.Observer ha avuto la possibilità di parlare con Tijani Haddad, vicepresidente dell’MTF ed ex ministro del turismo tunisino. Haddad è anche il presidente di FIJET ( Federazione internazionale dei giornalisti e degli ecrivani del turismo  ), motivo per cui abbiamo voluto parlargli per divulgare meglio l’importanza del viaggio genere di scrittura e il suo significato nel mondo di oggi.

La scrittura di viaggio è iniziata già nell’XI secolo quando i famosi viaggiatori iniziarono le loro spedizioni alla scoperta di nuove terre e nuovi imperi. Marco Polo è uno dei viaggiatori famosi della storia che nel 12 ° secolo scrisse il suo famoso libro in cui descrisse l’impero del più potente imperatore nella storia del mondo.

Nel suo libro, si riferisce alla Russia, all’Asia centrale, all’Iran e all’Afghanistan. Scrisse di Giappone, Vietnam e Birmania. Presenta Sri Lanka, India meridionale e persino Madagascar! Un altro mappamondo, Cristoforo Colombo fu colui che, alla ricerca di una nuova rotta per le Indie orientali (con Cipango, in Giappone, come primo obiettivo), inaugurò un lungo periodo di esplorazione degli europei verso il continente americano. È anche colui che per primo avrebbe documentato i suoi viaggi. Oggi, la scrittura di viaggio è stata strutturata meglio ed è diventata un’occupazione commerciale. Pertanto, i media di viaggio proliferarono in tutto il mondo.

Domanda : In che modo la scrittura di viaggio ha avuto un ruolo vitale nella storia e nella letteratura? Al giorno d’oggi gioca ancora lo stesso ruolo?
All’inizio, la scrittura di viaggio era considerata come una specie di registrazione scritta semplice e personale

di ciò che i viaggiatori hanno visto e sentito. Tuttavia, grazie a quegli “avventurieri” e ai loro scritti abbiamo imparato molto sulle nuove terre che hanno scoperto. Oggi sono destinazioni turistiche molto famose.

Il prodotto turistico è come qualsiasi altro prodotto commerciale, deve essere conosciuto dai consumatori.

A quel tempo l’unico mezzo di comunicazione era “bocca a orecchio” o scrivendo da persona a persona. Il libro di Marco Polo o le relazioni di viaggio di Cristoforo Colombo hanno avuto un ruolo importante nella creazione di una nuova modalità di scrittura del viaggio. Hanno reso note le città e i paesi che hanno scoperto in tutto il mondo.

Oggi, grazie alla diversità e alla proliferazione dei mezzi di comunicazione, la scrittura di viaggio sta giocando un ruolo più importante nella promozione delle destinazioni turistiche. Cambiamenti drastici avvennero in modi e mezzi del turismo e della stampa di viaggi (giornali, riviste specializzate, siti Web e ovviamente giornalisti e giornalisti specializzati nel settore del turismo e dei viaggi).

Creato nel 1954, FIJET è iniziato come un’associazione tra solo 3 paesi europei,Francia, Italia,e Spagna,  ma oggi FIJET è in tutto il mondo. Con 750 membri costituisce una grande e importante rete internazionale di media nella scrittura di viaggi e nel turismo.

Il nostro obiettivo è contribuire alla promozione di un turismo sostenibile e duraturo senza esclusioni o discriminazioni. Siamo fermamente convinti che il turismo sostenibile contribuisca a preservare il patrimonio culturale mondiale e salvaguardare le nostre generazioni future della ricchezza ecologica del nostro pianeta. Gli obiettivi di FIJET sono di essere un collegamento di comunicazione tra i consumatori del turismo e le parti interessate e colmare ogni possibile divario tra loro.

Incoraggiamo la specializzazione dei giovani giornalisti e forniamo loro una formazione adeguata nella nostra accademia annuale, promuoviamo la fondazione di associazioni nazionali di giornalisti e scrittori di viaggi in tutto il mondo e organizziamo forum e conferenze internazionali. FIJET aiuta la creazione e la pubblicazione di giornali e riviste professionali stampati e online dedicati o relativi al turismo.

La regione mediterranea, culla delle più importanti civiltà del mondo, è una delle maggiori destinazioni turistiche che accoglie più di un terzo del flusso turistico internazionale. Il Mar Mediterraneo è un importante valore aggiunto per il suo prodotto turistico. Ma sfortunatamente, Mare Nostrum sta affrontando oggigiorno l’enorme sfida dell’inquinamento.

Sta a noi agire senza indugio. È vero che i paesi del sud e dell’est del Mediterraneo sono i più colpiti, ma domani è del tutto possibile che i paesi del nord incontrino lo stesso destino. La crescita eccessiva e incontrollata del settore turistico sulle rive settentrionale e meridionale del Mediterraneo ha favorito l’inquinamento e il degrado fisico della costa.

Inoltre, l’accessibilità del Mediterraneo ha triplicato e favorito il movimento di grandi petroliere che, senza scrupoli, scartano il residuo del loro carico nel mare! Questo, naturalmente, danneggerebbe molte spiagge della nostra bellissima costa mediterranea.

Abbiamo davvero bisogno di una strategia comune mediterranea per combattere questo pericolo comune. Spero che la Mediterranean Tourism Foundation, eccellente iniziativa maltese, sarà coinvolta in questo problema e insieme ai governi del Mediterraneo e alle parti interessate del turismo lavoreranno urgentemente su quello che considero il problema più importante per il nostro Mare Nostrum.

FIJET è un membro affiliato dell’UNWTO

In Italia la Fijet è rappresentata dal 1954 dal Centro Internazionaòe della stampa Turistica Cist Fijet Italia media ufficiale l’influencer global magazin quality of life www.vipjetbonelli.com 

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »